Salve a tutti, amici!

Lo avrete sicuramente già sentito nominare se avete fatto un giro nel web o siete dei frequentatori di erboristerie e magari avrete già constatato i suoi benefici su di voi: ebbene si, sto parlando dell’olio di neem, un rimedio naturale di origine indiana, divenuto famoso per le sue eccellenti doti di pesticida e insetticida, ma viene anche utilizzato per prevenire le irritazioni cutanee.

Nel cane potrebbe essere una valida alternativa ai classici antiparassitari, oltre a curare e lenire le infiammazioni della pelle. Può essere applicato localmente sull’animale, in quanto il suo forte odore sgradevole, come del resto il sapore, rende meno incline il cane al leccamento e favorisce maggiormente la guarigione delle escoriazioni provocate, ad esempio, dalla dermatite atopica.

Ma andiamo a vedere quali sono nello specifico, i benefici e le controindicazioni dell’olio di neem.

Olio di neem: benefici

È stato testato che questo fantastico rimedio naturale sia d’aiuto per la salute generale del cane per diversi fattori, tra i quali: proprietà antifungine, antivirali, antibatteriche e antinfiammatorie, oltre al fatto che viene assorbito più facilmente dall’organismo senza il rischio di effetti collaterali come potrebbe accadere, invece, con l’utilizzo di antiparassitari chimici, ad esempio.

Nel cane, l’olio di neem si utilizza prevalentemente come antiparassitario, poiché sempre più persone comprendono quanto siano davvero efficaci alcuni rimedi naturali (sempre con rispetto parlando) rispetto ad altre metodologie di natura chimica. 

Certamente, il tempo per constatarne l’efficacia è più lungo, ma i risultati saranno i medesimi, se non migliori, considerando che qualsiasi agente chimico ingerito, assorbito o inalato da noi o dagli animali è tossico. Molte volte cani e gatti vengono ricoverati in cliniche veterinarie per aver leccato il principio attivo dell’antiparassitario; questo è uno degli effetti collaterali del farmaco ma è anche un fattore di rischio molto alto!

Se applicato regolarmente, l’olio di neem può agire ad ampio spettro e proteggere alcuni degli organi interni del cane e preservarne la salute, come per il fegato, sul quale ha un effetto purificante, mentre sul sistema immunitario ne rafforza l’efficacia. Un altro studio ha assicurato che l’uso regolare dell’olio di neem può anche preservare la salute dentale del cane!

Come può essere usato l’olio di neem?

L’olio di neem è molto concentrato e bisogna fare attenzione nella somministrazione. Qualsiasi sia l’utilizzo che ne fate, l’olio va sempre diluito: potete metterne un po’ nel normale shampoo del cane quando gli fate il bagno, o meglio ancora potete creare uno spray antiparassitario homemade.

In ogni caso, non abusatene e se avete intenzione di utilizzarlo spesso, diluitelo quanto più possibile.

Nel caso dello shampoo per cani si usa diluire un cucchiaino di olio con due cucchiai di shampoo e non diluire tutta la confezione, poiché il Neem rende inattivo lo shampoo e lo rovina in poco tempo. 

Per quanto riguarda l’uso antiparassitario, potete diluire un cucchiaio di olio di neem in 10 cucchiai d’olio d’oliva e poi tamponare le aree maggiormente interessate da parassiti (padiglioni auricolari, zampe, coda, ecc).

Se preferite avere una copertura completa potete realizzare uno spray antiparassitario diluendo un cucchiaio di olio di neem con dieci cucchiai d’acqua calda e un po’ di detergente profumato per mascherare l’odore sgradevole dell’olio. Spruzzatelo tutto sul cane e cercate di non farlo avanzare; man mano che passano i giorni l’olio perde la sua efficacia terapeutica quindi si consiglia di preparare una lozione da spruzzare all’istante. 

Olio di neem: controindicazioni 

Tuttavia, come ogni cosa, ci sono benefici e controindicazioni. Nel caso dell’olio di neem dovrebbero essere minime, ma qualsiasi sia l’utilizzo che ne vogliate fare consultate il vostro medico veterinario di fiducia

Il vostro cane potrebbe essere inconsapevolmente allergico e sviluppare sintomatologie come tosse, orticaria, starnuti e difficoltà respiratorie, mentre altre problematiche possono insorgere se l’animale sta assumendo farmaci che non sono compatibili con il principio attivo dell’olio di neem e possono scatenare effetti contrastanti. 

Ricordate, inoltre, di non applicare l’olio di neem su ferite aperte o ulcere e di avere cura che il cane non ingerisca la soluzione (anche se come sopra citato, l’odore altamente sgradevole dovrebbe scongiurare che il cane si lecchi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.